Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà L'occhio profondo Scartablàr int i casìt Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago 

Al fil źrudlà

Invecchiare sogno di un 16 dicembreè una semplice circostanza il volodi pensieri colorati su un piccolodiario il tuo orgoglioso frammentoper fermare l’impossibile invecchia-mento e tu lascia passare le nottilascia imbiancare i capelli che mortemi veda specchiato nei tuoi coloriTracce di tein quali versi d’amore vorrestidavvero trovare traccia di tese tu fossi quel rancore assopitoinconosciuto nocchiero dell’albada quale alba prenderesti i miei annia quale carta chiederesti voceil mattino si leva senza luce

Al dialèt«Invcend a vrésbüta föra in dialétcol co tgnü dentr’in italian.»(C. Zavattini)Al dialèt al t’mét a la próa j’uréćparché ogni piga d’la vóśl’at porta luntàn,acsì luntàncmé se quél ch’at gh’à intóranal n’agh fùs più,se indóv a gh’è i capanùndill fabrichéti saràe qualca viléta stintaagh fùs acóra di filàr d’àrbulch’i sèra na campagna o un pudér.Al dialèt l’è na ciacarada crudach’la s’impinìs ad quèi dólzparché j’è chill paròllch’a t’à insgnà i toe j’è cóm s’at sintési la légnach’la sćiòpa int al camìnimparśunà da na légua ad fógh,na lùś e n’cald che t’an t’źmandgarà mai.Il dialetto«Invecchiando vorreibuttare fuori in dialettoquello che ho tenuto dentro in italiano»Il dialetto mette alla prova il tuo orecchio / perché ogni piega della voce / ti porta lontano, / così tanto / come se tutto quello che c’è intorno / non ci fosse più, / se dove ci sono i capannoni / delle fabbrichette dismesse / e qualche villetta stinta / ci fossero ancora filari di alberi / che chiudono una campagna o un podere. // Il dialetto è una parlata cruda / che ti riempie di cose dolci / perché sono quelle parole / che i tuoi ti hanno insegnato / e sono come se sentissi il legno / che scoppia nel camino / prigioniero di una lingua di fuoco, / una luce e un caldo che non scorderai mai.

Guardànd la légna ch’la bruśa int al camìnImparśunà da légv ad fóghla légna, ùmda, la sćicla int al camìn;l’è al so ùltim zigh da strangulà(ill so falìv ill profuma ad réśna)e la lasa la luś con un cald bón.Pó la s’inrodla in gémb ad fumźmandgàndas ad tut’ill staśóne, intant che fóra a bùi ill fójd’na piupóna, la tróa da nóv int l’ariai culùr e j’udùr di vól d’j’uśié.Guardando la legna bruciare nel caminoImprigionato da lingue di fuoco / il legno umido grida nel camino; / è l’ultimo suo pianto da sgozzato / (scintille dall’alito resinato) / e lascia luce e caldo carezzevole. // Poi si avvolge in gomitoli di fumo / dimentico di tutte le stagioni / e, mentre fuori bollono le foglie / di grasse pioppe, ritrova nell’aria / colori e odori di voli d’uccelli....



Edoardo Penoncini