Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Consigli di lettura - 2 Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà L'occhio profondo Scartablàr int i casìt Al paréa un fogh ad paja Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago 

Al paréa un fogh ad paja

Invecchiare sogno di un 16 dicembreè una semplice circostanza il volodi pensieri colorati su un piccolodiario il tuo orgoglioso frammentoper fermare l’impossibile invecchia-mento e tu lascia passare le nottilascia imbiancare i capelli che mortemi veda specchiato nei tuoi coloriTracce di tein quali versi d’amore vorrestidavvero trovare traccia di tese tu fossi quel rancore assopitoinconosciuto nocchiero dell’albada quale alba prenderesti i miei annia quale carta chiederesti voceil mattino si leva senza luce

*Sàt cus’a vòl dìr scuśàrs i cà topar na parola ch’at dòpri sól tipar la to légua ch’la mór dì par dì?Sàt cus’a vòl dìr vśinàr l’uriźónt,taiàr al fil dal sól quand al và źó,andàr i guèra pr’a fugàr i marchill paròll vèci ch’i’ gh’à più ’vśinéntsurbìdi lénti da u vśinèl ch’al t’sùga?*Sàt cus’la vòl dìr la dmanda ad to fiòlquand a capìs più gnént ad quél ch’at dì?Caran d’la to cara sagv dal to sagv,na légua viva nata da na mortae più luntà cla vóś l’at cànta déntarsémpar più viva intarméntar ch’l’as pèrd.Sai cosa significa scusarsi a casa tua per una parola che usi solo tu/ per la tua lingua che muore/ giorno per giorno?// Sai cosa significa accorciare l’orizzonte/ tagliare il filo del sole che tramonta/ andare in guerra per non affogare in mare/ quelle parole vecchie che non hanno più un vicino/ risucchiate piano da un vortice che ti prosciuga?// Sai cosa significa quella domanda di tuo figlio/ quando non capisce più quello che dici?/ Carne della tua carne, sangue del tuo sangue/ una lingua viva nata da una morta/ e più lontano una voce ti canta dentro/ sempre più viva mentre si perde.

*Dill vòlt as farmàvana guardàr int al póz,ad sira...a butàr źó j’isunî, là int al bur,dentr’a l’aqua fréda,négra... pó a n’agh sé più turnàdòp cla voltach’é vìst là źóśbaśiras la luna, tarmànd,alźiéra.*Delle volte ci fermavamo/ a guardare dentro il pozzo,/ di sera...// a buttare desideri in fondo,/ là nel buio,/ nell’acqua fredda,/ nera...// poi non ci siamo tornati più/ dopo quella volta/ che abbiamo visto laggiù/ impallidire la luna, tremolando, leggera.



Edoardo Penoncini