Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago Pieghevole 

Burgos-Carrion de los Condes

Partiamo presto, non sappiamo di preciso cosa incontreremo, ci aspetta la meseta; di tutto quello che abbiamo letto ne abbiamo ricavato che la tappa va presa con le molle. Le planimetrie sono poco attendibili. Sembrerebbero facili saliscendi, forse lo sono, ma non con il sole a picco che ci cuocerà anche i polpacci. Usciamo da Burgos percorrendo buona parte dell'anello verde; il percorso è agevole e procediamo spediti. Lasciamo alle spalle alcuni piccoli paesi, poi inizia il tratto delle mesetas, il paesaggio si fa brullo e compaiono ai bordi del sentiero alti cardi con le loro infiorescenze amaranto, la linea dell'orizzonte incomincia a perdersi, mentre il sole sale sempre più in alto. Facciamo una prima sosta ad Hontanas, riempiamo le borracce e ripartiamo. Stesso paesaggio, la prossima meta è l'Ospital di San Anton, semidiroccato, dove troviamo una signora di Venezia per l'ospitalità al pellegrino e, purtroppo, anche un molesto gruppo di turisti giunti con un torpedone. Il complesso doveva avere una certa imponenza, ora è rimasto poco ma resta ricco di fascino, qui in mezzo alla meseta.Da San Anton seguiamo il sentiero asfaltato fino a Castrojeriz, dove arriviamo intorno alle 11.20. Stiamo andando verso le ore più calde della giornata. Uno spuntino leggero (abbiamo imparato a mangiare leggero, poco e spesso) e un breve riposo, scorta di liquidi e poi via verso la parte più dura della giornata. Forse è un errore, ma affrontiamo questa parte della meseta con una salita fino a 900 mt nel momento più infuocato della giornata. Non ci aspettiamo nulla, ognuno di noi è solo sul sentiero polveroso, con una montagna che sembra replicarsi sempre uguale dopo ogni curva; ho pure, qui, l'unico incidente meccanico del mio cammino verso Santiago, mi va già la catena - una cosa ridicola in altri frangenti, non qui dove mi bruciano i polpacci, dove il sole sembra aver puntato tutti i suoi raggi sulle mie gambe. Riprendo a salire e a bere. Finalmente raggiungiamo l'Alto de Mostelares. La spianata, arida, brulla, spazi immensi alla vista in tutte le direzioni, c'è persino una panca per sedersi e ... tanti rifiuti: anche il pellegrino, evidentemente, spesso consuma e non riporta con sè i vuoti ... spiace ... il Camino potrebbe essere un percorso purificatore anche per l'ambiente. Ora cè la discesa ed è un piacere, la prossima meta è Fromista, ma prima incontriamo l'eremita di San Nicolas e Boadilla del Camino con la sua colonna gotica, testimonianza di una antica giustizia. Riempiamo le borracce e ripartiamo. Incontriamo il canale di Castiglia che seguiamo fino a Fromista. (Foto) Siamo a Fromista poco dopo le 16. Fa caldo, un caldo secco, il centro si preseta con le sue chiese, di San Martin e San Pedro. Da Fromista per la N 120 proseguiamo per Carrion de los Condes dover arriviamo intorno alle 18.00. A Carrion partecipiamo al rito per i pellegrini dopo la messa; io, laico, partecipo convinto ed ascolto la lettura nelle diverse lingue con particolare attenzione. Ultreya, pellegrini!

Hornillos

Castrojeriz:Abside diSan Juan Bautista

Ermita de san Nicolas

Alto de MostelaresLa strada che prende a salire, foto con Massimo, panoramica, strada per scendere

Rabe de las Calzadas

Il paesaggio dopo Burgos

Il paesaggio della Meseta

Il sentiero all'entrata di Hontanas

CastrojerizVillaggio

Rovine di San Anton

CastrojerizCastello

Porta ovest della Collegiata

Rollojurisdiccional

Pagina in costruzione



Edoardo Penoncini