Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago Pieghevole 

Carrion de los Condes-Leon

Partiamo un po' più tardi del solito, alle 9, avevamo bisogno di smaltire la fatica del giorno prima. La meta della giornata è Leon, alla quale vogliamo dedicare l'intera mattinata del giorno successivo. Giornata bellissima, che si avvamperà con il trascorrere delle ore; il percorso è pressoché pianeggiante. La pausa della giornata è a Sahagun, il percorso non riserva particolari luoghi da immortalare. Dopo Calzadilla de la Cueza una cicogna campeggia in mezzo ad un campo di grano. Il sentiero alla partenza è costeggiato da verdi pioppi, che poi si interompono per lasciare spazio ad un paesaggio meno vivace. Procediamo senza particolari affanni: la tappa di oggi non è impegnativa, ma il chilometraggio non è da trascurare. Attraversiamo piccoli centri ed intorno alle 11 siamo a Sahagun: è giorno di mercato, ne approfittiamo per uno sfizio, una golosità che però ci ritonifica, sali minerali e zuccheri, una vera sorpresa: alla bancarella della frutta acquistiamo un cocomero che gustiamo seduti nella piazza lontani dalla fontanella presidiata da numerose vespe. (Foto) Sarà il giorno di mercato, ma derivo un'impressione di Sahagun non molto positiva; la pulizia delle strade e della piazzetta non sono proprio impeccabili; visitiamo la cittadina: i resti del monastero di San Benito, l'arco d'entrata e la torre, testimonianza della presenza cluniacense in loco, la vicina chiesa di Nostra Signora la Pellegrina e la chiesa di San Lorenzo, bellissimo complesso in stile arabo (mudéjar). Purtroppo non facciamo in tempo a visitare la chiesa di San Tirso, l'orario di visita ce lo impedisce. (Foto) Nel pomeriggio partiamo per Leon percorrendo la N120; il sole è alto. Colpisce dopo quaranta minuti il cippo sulla sinistra della strada che ricorda un pellegrino tedesco, Manfred Kress Friedrich, morto lungo il Camino il 9 giugno del 1998; il sole è impietoso, ma le borracce sono ben piene, un lieve venticello ci accompagna fin quasi a Leon, dove arriviamo intorno alle 18.(Foto) La serata e la notte sono state abbastanza fresche; dopo la cena non siamo stati bravi pellegrini: la finale per il terzo posto del campionato mondiale ci ha un po' distratto.

Pale eoliche versol'Alto del Perdon

Puente la ReinaPonte sul fiume Arga

EstellaSan Pedro de la Rua

Alto del PerdonPanoramica

Alto del PerdonMonumento del Pellegrino

EstellaPalazzo dei re di Navarra

Pagina in costruzione



Edoardo Penoncini