Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà L'occhio profondo Scartablàr int i casìt Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago 

Scartablàr int i casìt

Invecchiare sogno di un 16 dicembreè una semplice circostanza il volodi pensieri colorati su un piccolodiario il tuo orgoglioso frammentoper fermare l’impossibile invecchia-mento e tu lascia passare le nottilascia imbiancare i capelli che mortemi veda specchiato nei tuoi coloriTracce di tein quali versi d’amore vorrestidavvero trovare traccia di tese tu fossi quel rancore assopitoinconosciuto nocchiero dell’albada quale alba prenderesti i miei annia quale carta chiederesti voceil mattino si leva senza luce

La mié ciacaràdaMè a dróv ste mi dialètt (né bèl né brótt)ch’l’è è dialètt ch’a péns e ch’a ragiòunmo senza sudiziòun!e a spér che al mi paròli al séa par tótt.[Mi servo del mio dialetto (né bello né brutto)è con il dialetto che penso e ragionoma senza soggezione!e spero che le mie parole siano per tutti.](Gianni Fucci)Mi a ciàcar cóm am càpita,an sò gnanch ill lingvcóśa vót ch’al sié n’póch ad francéś,cal góz d’ingléś ch’i m’la da scrìvarsinò an capìs gnént;a fàgh fadìga con l’italiàe quél a l’ò parfìn insgnà,a só stà n’profesórcóm agh n’è tanti, un di tant àśane an són mai stà purasà śmisià.Adès am són ardùta zarcàr qualcdùn ch’al ciàcara in dialèt,a jén i bugnéś e i ruvigòt e lì a m’arànģmó a rìva anch i furlàn e i rumagnó...e am piàś anch s’an capìś brìśa tutpó am piàś ad piùquand i’m dà na pàca s'ill spall,ill n’è brìśa ill sòlit pach,j’è na bòta d’calór.La mia parlataIo parlo come mi viene,/ non conosco nemmeno le lingue/ cosa vuoi che sia un po’ di francese/ quel goccio d’inglese me lo devono scrivere/altrimenti non capisco niente;/ faccio fatica con l’italiano/ e quello l’ho perfino insegnato,/ sono stato un professore/ come ce ne sono tanti, unodei tanti somari/ e non sono mai stato particolarmente sveglio./ Adesso mi sono ridotto/ a cercare qualcuno che parli il dialetto,/ vengono bolognesi e i rovigoti e lì m’arrangio/ ma vengono anche i friulani e i romagnoli…/ e mi piace anche se non capisco tutto/ poi mi piace di più/ quando mi dànno una pacca sulle spalle,/ non è la solita,/ è una botta di calore.

J’abitùdinnAm són abituà a campàrmiśurànd i scalìn;zèrt vìvar l’è n’àltar quèl:l’è córarcantàrinnamuràrasfàr l’amór,pensàr che dmànal sarà sól n’àltar dì…l’autùn al gh’à ill fój ach càscama l’è bèl con tant culùr.A s’abìtua a tut,a guardàr ch’j’àltar ch’i sàltaquéi ch’i’n bàda al colesterolo,quéi che la not i la scùrtao i la slùnga cóm ch’i vòl.A s’abìtua ach a l’autùnquand al pèrd i culùr int la nebiae int al źiél d’l’invèran,pó al bur d’la notl’è n’esercizî par quand al scurpar quant sól ch’agh siéan sa sćiarirà più.Le abitudiniMi sono abituato a vivere/ misurando i gradini;/ certo vivere è un’altra cosa:/ correre/ cantare/ innamorarsi/ fare l’amore,/ pensare che domani/ sarà solo un altro giorno…/ l’autunno ha le foglie che cadono/ ma è bello e pieno di colori.// Ci si abitua a tutto,/ a guardare gli altri che saltano/ che non hanno il colesterolo alto,/ quelli che accorciano la notte/ o la allungano a piacere.// Ci si abitua anche all’autunno/ quando perde i colori nella nebbia/ e nel gelo dell’inverno,/ poi il nero della notte/ è un esercizio per quando il buio/ per quanto sole ci sia/ non si schiarirà più.

Cristina Rossi legge J'abitudinnScarica



Edoardo Penoncini