Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Nota biografica Consigli di lettura Bibliografia L'argine dei silenzi Un anno senza pretese La spesa del giorno Qui non si arriva di passaggio Poesie scelte Lungo è stato il giorno Quell'aria Vicus felix Al fil źrudlà Hanno scritto Riconoscimenti 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Cammino di Santiago Roncisvalle-Pamplona Pamplona-Iraque Iraque-Navarrete Navarrete- San Juan de Ortega San Juan de Ortega-Burgos Burgos-Carrion de los Condes Carrion de los Condes-Leon Leon-Astorga Astorga-Villafranca del Bierzo Villafranca del Bierzo-Portomarin Portomarin-Santiago Pieghevole 

Un anno senza pretese

CustodeNon ci fu tempo sembrò dire, mentre rassettando carte svernava da unastanza all’altraimpegolandosi in un improbabile ordine, scalando libri su nuoviscaffali, sfiorando tutte le pagine,come fosse l’ultima voltae dovesse con il suo umido e il suo freddo l’inverno sfibrare tutto l’inchiostro.Non ritornò alla stanza dell’estate,fu lesta la primavera a carpirglil’intima gioia d’un altro trasloco,a prosciugargli l’ultima fatica.Pienza, Largo Mario Luzi nel meriggio agostano lungo il filo dei colli si sbrucia una vena opaca di nebbiolina di calore mentre due versi dicono lo sfolgorio degli alberi che fumano nel cielo nella memoria disegno figura appoggiata al muretto dopo aver indagato la città ideale e qui infranto il fraseggio rosselliniano nella premura di uno spazio in fuga Festa della RepubblicaAlla festa della Repubblicanuovi corifei m’insegnan,porcogiuda, democrazial’han poi fatta la rivoluzione han trovato l’occasione fòmite secolare la tentazionegraticcio di ogni discussioneper rampicanti in televisionela scriverebbe così, Benni,la festa della nostra libertà?

Una scia di tempoUna scia di tempo questo giorno, si contorce il cielo per dare nuova pioggia e fluita più velocemente i granuli tra i bulbi la clessidra.Tracci linea e non racchiudi sostanza, recidi fiore e non porti profumo,solo antico ricordo, liquefatto, sbiadita premessa senza futuro.Decisi puntini di sospensione,intraducibile gragnuola di alte urla, lo schianto del mare non dice un attimo di ciò che grida il tuo silenzio, mamma.PhaselusDove portò le nostre voci il fiumee la barchetta che pungeva l’acquanostra reminiscenza letteraria?Sembra di sentirle oggi quelle vocinell’acqua che invade e affonda la barcanei sogni lenti del fiume narrante,perdute invocazioni tra le foglie dei pioppi, scia di vetro sull’acqua.Ricordi … 30 luglio 1969 a Maria Chiara ZagoAgitavamo ritmi di ballatacol disincanto di fragole e miele,pochi passi sulla terra rapitala strada che tagliava la campagnae tu sul vespino verde arrivavial ponte, ricordi …Nelle parole stordite del librolasciavo una traccia prima del vespro,nel luglio bollente il tuo compleannosi compiva tra le tife spiumantie il sentiero polveroso di ghiainosul canale, ricordi …



Edoardo Penoncini